La Peak 2 Peak Gondola di Whistler Blackcomb non è solo un capolavoro di ingegneria moderna, ma anche un’esperienza unica che offre ai visitatori una vista panoramica senza pari delle montagne e delle valli della British Columbia. Dalla sua apertura nel dicembre 2008, ha trasformato il modo in cui sciatori e turisti esplorano questo vasto e maestoso territorio.

Storia e costruzione di una delle cabinovie più spettacolari del mondo

Nel 2008 è stata inaugurata quella che all’epoca era la cabinovia a tre cavi più lunga del mondo, che collegava le cime delle aree sciistiche di Whistler Mountain e Blackcomb Mountain.

La costruzione della cabinovia Peak to Peak è stata un’impresa monumentale che ha richiesto diversi anni di pianificazione e un costo di circa 51 milioni di dollari canadesi. Progettata per collegare le montagne di Whistler e Blackcomb, la cabinovia copre una distanza di 4,4 chilometri (2,7 miglia) in soli 11 minuti, stabilendo i record mondiali sia per la lunghezza della più lunga sezione non supportata (3,024 chilometri) sia per la maggiore altezza dal suolo (436 metri), equivalente a una lunghezza di oltre quattro campi da calcio.

LA CABINOVIA “PEAK TO PEAK” COPRE UNA DISTANZA DI 4,4 CHILOMETRI IN SOLI 11 MINUTI”

Il progetto è stato sviluppato dalla società svizzera Doppelmayr Garaventa Group, nota per le sue innovazioni nel settore del trasporto a fune. L’installazione dei cavi e delle stazioni terminali è stata un processo delicato e preciso e, come spesso accade per queste installazioni faraoniche, sono stati necessari gli elicotteri per trasportare e posizionare le parti più pesanti. La tecnologia utilizzata nel Peak to Peak è all’avanguardia, con un design che garantisce non solo efficienza e velocità, ma anche sicurezza e comfort per i passeggeri.

Peak 2 Peak: un’esperienza di volo ad alta quota

Salire sulla cabinovia Peak 2 Peak è un’esperienza che va oltre il semplice trasporto e potrebbe non essere adatta a chi soffre di vertigini. Dal momento in cui si entra in una delle 28 cabine, si è circondati da una vista spettacolare su cime innevate, fitte foreste e valli profonde. L’esperienza non è adatta a chi soffre di vertigini, soprattutto se si sceglie di salire nelle cabine con il pavimento in vetro, che offrono una prospettiva ancora più emozionante e vertiginosa della natura sottostante.

In qualsiasi periodo dell’anno è consigliabile salire sul Peak 2 Peak per visitare la città, osservare la fauna selvatica o fare peak-hopping, e cenare in uno dei cinque ristoranti della vetta. Se siete alla ricerca di un buon piano, vi consigliamo i waffle con vista sul patio del Crystal Hut. Il Roundhouse Lodge, in stile caffetteria, è un’altra scelta popolare per i suoi punti di ristoro, che servono praticamente qualsiasi cucina internazionale. Per chi è curioso di conoscere il processo di costruzione di Peak 2 Peak, c’è una galleria che spiega la sofisticata ingegneria dietro PEAK 2 PEAK e una mostra sui Giochi invernali del 2010, oltre a un cinema che proietta film alpini. L’estate e l’autunno sono ottimali per effettuare oltre 50 chilometri di escursioni e passeggiate dalla vetta.

Come si può vedere, la funivia non è solo funzionale per gli sciatori che vogliono massimizzare il tempo trascorso su entrambe le montagne, ma è anche un’attrazione turistica a sé stante. I visitatori possono godere di una vista mozzafiato sulla Fitzsimmons Creek Valley, che separa le due montagne, e nelle giornate limpide è possibile vedere fino alla cima del Monte Garibaldi e l’iconica Zanna Nera. Per molti, il Peak to Peak diventa il momento culminante della visita, fornendo ricordi indelebili e opportunità fotografiche uniche.

Turismo e impatto ambientale

La Peak 2 Peak Gondola ha avuto un impatto significativo sull’accessibilità e sulla popolarità di Whistler Blackcomb. Facilitando un transito rapido e comodo tra le due montagne, ha migliorato l’esperienza complessiva dei visitatori, consentendo a sciatori e snowboarder di accedere a una più ampia varietà di terreni e condizioni di neve in un solo giorno, evitando al contempo l’impatto sulla fauna selvatica di questa magnifica valle.

La zona selvaggia è ricca di foreste di conifere, dominate da abeti di Douglas, pini lodgepole e cedri rossi occidentali, che costituiscono la spina dorsale dell’ecosistema locale. Sul fronte della fauna selvatica, gli orsi neri sono una vista comune durante i mesi più caldi. Questi magnifici animali non sono solo una delizia per i visitatori, ma svolgono anche un ruolo essenziale nell’ecosistema locale. Le marmotte, famose per il suono che ha ispirato il nome di Whistler, sono un’altra specie iconica della regione. Anche i cervi muli abitano le foreste circostanti, dove possono essere visti nutrirsi nei prati. La loro presenza serena ed elegante è un promemoria costante della bellezza naturale che definisce Whistler Blackcomb. Elevando la maestosità della regione, le aquile calve sorvolano le montagne, i fiumi e la cabinovia Peak 2 Peak, simboleggiando la libertà e la grandezza della natura selvaggia canadese.

In termini di sostenibilità, Whistler Blackcomb ha attuato diverse misure per ridurre al minimo l’impatto ambientale della cabinovia. Ad esempio, durante la costruzione è stata prestata particolare attenzione alla conservazione dell’habitat naturale e alla protezione della fauna locale. Inoltre, il funzionamento della cabinovia è in linea con gli sforzi del resort per promuovere il turismo sostenibile, utilizzando energie rinnovabili e programmi di riciclaggio.

Fatti interessanti e curiosità su Peak 2 Peak

La cabinovia Peak to Peak è molto più di un semplice mezzo di trasporto: è un’opera ingegneristica ricca di affascinanti curiosità. Ad esempio, ogni cabina può trasportare fino a 28 passeggeri e il sistema può muovere fino a 4.100 persone all’ora in ogni direzione. Nonostante la notevole altezza sopra la Fitzsimmons Creek Valley, la corsa è notevolmente stabile, grazie a un sofisticato sistema di contrappesi e cavi.

Un’altra caratteristica degna di nota è l’integrazione del Peak to Peak con l’ecosistema locale. Durante la sua costruzione, ingegneri e biologi hanno lavorato insieme per garantire che la flora e la fauna della regione rimanessero intatte. Oggi i passeggeri della funivia possono osservare uccelli e altri animali nel loro habitat naturale, rendendo il viaggio un’esperienza educativa oltre che visivamente straordinaria.

La rapidità di comunicazione e l’elevato numero di cabine fanno sì che non ci siano tempi di attesa per gli utenti. Tuttavia, dalle 14:30 alle 16:00, durante l’alta stagione invernale, è il momento di maggiore affluenza. Evitando questa fascia oraria, potrete godervi la nuovissima cabinovia Whistler Blackcomb Peak 2 Peak senza problemi.

Durante l’estate, invece, le aree intorno ai resort Peak 2 Peak diventano un paradiso per gli escursionisti. Ci sono numerosi sentieri ben segnalati che vanno da facili passeggiate a impegnative escursioni alpine. Particolarmente apprezzato è l’High Note Trail sulla Whistler Mountain, che offre viste panoramiche sul Garibaldi Provincial Park.

Dove mangiare vicino alla Peak 2 Peak Gondola di Whistler Blackcomb?

La Peak 2 Peak Gondola di Whistler Blackcomb non solo vi porta attraverso scenari mozzafiato, ma vi avvicina anche ad alcuni dei migliori ristoranti della montagna. Ecco tre opzioni culinarie da non perdere:

Christine’s on Blackcomb

Situato nella stazione a monte della Blackcomb Mountain, Christine’s on Blackcomb è il luogo ideale per un’esperienza culinaria di alto livello. Con una vista spettacolare, questo ristorante offre una cucina contemporanea e un menu che cambia a seconda delle stagioni, utilizzando ingredienti freschi locali. Dopo una giornata sulle piste, non c’è modo migliore per rilassarsi e gustare un pasto di lusso sullo sfondo delle montagne. Vi consigliamo la North Arm Farm Salad, un’insalata perfetta per iniziare il pasto con una nota fresca e salutare, che comprende ingredienti come verdure di stagione, formaggio feta e un condimento alle erbe fresche. Se vi piace l’anatra, dovete assolutamente provare la Coscia d’anatra confit alla moscovita. Si tratta di una coscia d’anatra confit servita con cavolo cappuccio, cipolla rossa, anacardi, purea di melanzane e un gustoso jus. Infine, per gli amanti della carne, la Costoletta alla brace è una scelta da non perdere. Questo piatto consiste in costolette di manzo arrostite lentamente e glassate con una speciale salsa BBQ della casa. Il tutto viene servito con purè di patate al tartufo, cipolle glassate e verdure di stagione.

Rifugio Rendezvous

Sempre sulla Blackcomb Mountain, vicino alla stazione superiore della funivia, il Rendezvous Lodge offre un’ottima opzione per chi cerca un pasto veloce ma vario. Con una selezione di cucine internazionali, tra cui sushi, cucina asiatica tailandese e specialità canadesi, ce n’è per tutti i gusti. La terrazza all’aperto è perfetta per gustare un pasto all’aperto con viste panoramiche che renderanno la vostra vacanza memorabile. Pur disponendo di un’ampia sala da pranzo, in alta stagione tende ad essere affollata di sciatori all’ora di pranzo.

Steeps Grill & Wine Bar

Situato sulla Whistler Mountain, vicino alla stazione a monte della Whistler Village Gondola, Steeps Grill & Wine Bar promette un’esperienza culinaria unica. Con un’impressionante carta dei vini e un menu che privilegia gli ingredienti locali e sostenibili, Steeps offre un pasto memorabile in un ambiente sofisticato. È il luogo ideale per gustare una cena rilassata e di alta qualità ammirando la vista sulle montagne circostanti. Si consigliano i rigatoni alla carbonara, le costine corte, il panino con carne affumicata di Montreal e la pavlova come dessert.


La Peak 2 Peak Gondola di Whistler Blackcomb non solo collega due delle montagne sciistiche più famose del mondo, ma simboleggia anche il connubio tra ingegneria moderna e bellezza naturale. È un’attrazione imperdibile per chiunque visiti la regione, in quanto offre una vista impareggiabile e un modo efficiente per esplorare tutto ciò che Whistler e Blackcomb hanno da offrire. Con il suo design straordinario e il suo impegno per la sostenibilità, il Peak to Peak rimarrà un’icona del turismo alpino per molti anni a venire.