Il kayaker spagnolo Aniol Serrasolses ha attirato l’attenzione del mondo intero dopo aver conquistato una cascata glaciale alta 20 metri. Ora, il documentario di Red Bull TV “Ice Waterfalls” rivela la straordinaria spedizione che lo ha portato a compiere questa incredibile impresa nel cuore dell’Artico.

Il film ci porta in un viaggio attraverso l’inesplorata Norvegia glaciale, rivivendo l’intenso viaggio di 36 ore attraverso il remoto arcipelago delle Svalbard, da Longyearbyen a Bråsvellbreen.

L’arcipelago delle Svalbard è un territorio norvegese nell’Artico, noto per la sua bellezza naturale mozzafiato e i suoi paesaggi estremi. Comprende una serie di isole, la più grande delle quali è Spitsbergen, che ospita la maggior parte della popolazione, tra cui la città di Longyearbyen, considerata la città più a nord del mondo con oltre 1.000 abitanti.

Longyearbyen, la capitale amministrativa delle Svalbard, è un centro vitale per le spedizioni polari, che fornisce servizi essenziali e alloggi agli avventurieri che esplorano l’Artico. Nonostante la sua lontananza, ospita una comunità internazionale e diversificata, le cui attività sono principalmente legate alla ricerca scientifica, al turismo e all’industria mineraria. Longyearbyen è nota per i suoi paesaggi montani mozzafiato, il sole di mezzanotte in estate e il buio polare in inverno.

Il Bråsvellbreen, nella parte orientale dell’arcipelago, è un enorme ghiacciaio che fa parte dell’isola di Nordaustlandet. È famoso per il suo spettacolare fronte di ghiaccio, un muro di ghiaccio che si estende per diversi chilometri e si tuffa direttamente nel mare. In estate, le cascate d’acqua che scendono da questo fronte glaciale formano uno spettacolo sorprendente, ed è proprio da una di queste cascate che Aniol Serrasolses ha compiuto la sua storica discesa. Questo viaggio offre una visione intima delle sfide che Serrasolses e il suo team hanno dovuto affrontare per avventurarsi in una delle regioni meno esplorate del pianeta, con l’obiettivo di trovare e scendere una cascata glaciale.

Ice Waterfalls: i retroscena della storica discesa

“Ice Waterfalls non è solo una storia di record e azioni mozzafiato, ma anche una storia di resilienza umana, innovazione e ricerca incessante dell’avventura. Il libro raccoglie le riflessioni di Serrasolses su questa esperienza unica: “Le parole sono impotenti a catturare questa sensazione travolgente. Mi sentivo come se stessi facendo kayak su un pianeta completamente diverso”.

È stata senza dubbio l’esperienza di kayak più straordinaria della mia vita

I telespettatori potranno vedere la meticolosa preparazione, le emozioni e la pura determinazione del team Serrasolses, così come dei compagni di kayak David Sodomka, Aleix Salvat e Mikel Sarasola.

La spedizione illustra anche i pericoli dell’imprevedibile paesaggio artico e sottolinea l’adattabilità e la determinazione del team di fronte alle sfide ambientali. La leggenda del kayak francese Nouria Newman condivide le sue impressioni sull’impresa dei Serrasole, spiegando l’estrema difficoltà e le abilità necessarie per scendere con successo una cascata di questa natura.

“Cascate di ghiaccio: un’esperienza cinematografica unica

Senza dubbio, “Cascate di ghiaccio” promette di essere un’esperienza cinematografica unica che lascerà agli spettatori un nuovo apprezzamento per le sfide della natura e una passione per l’avventura.

Il documentario è disponibile dall’8 maggio alle 10:00 CET. Guardate “Ice Waterfalls” su Red Bull TV per un viaggio straordinario nelle profondità della natura artica, dove l’anima dell’avventura e lo spirito del kayak prendono vita.

Inoltre, Red Bull TV ha annunciato che trasmetterà ulteriori filmati esclusivi dei preparativi e della spedizione, tra cui interviste a Serrasolses e al suo team, che offriranno uno sguardo più da vicino alle sfide affrontate e al cameratismo che li ha uniti in questo viaggio artico mozzafiato.


Nuovo record mondiale di salto con gli sci: il giapponese Ryōyū Kobayashi ha saltato 291 metri.