Le stagioni invernali vanno e vengono, ma non sono mai uguali. Gli operatori del settore concordano sul fatto che la stagione invernale 2023/24 è stata atipica e complessa da gestire, caratterizzata da condizioni meteorologiche altalenanti. In alta quota, l’eccezionale quantità di neve ha posto ulteriori sfide, ma ha anche fornito condizioni sciistiche ideali.

Queste condizioni meteorologiche eccezionali, favorevoli alle attività di montagna, hanno avuto un impatto diretto sulla performance della Compagnie des Alpes (CDA), che gestisce i resort di La Plagne, Les Arcs, Peisey-Vallandry, Tignes, Val d’Isère, Les Menuires, Méribel, Serre Chevalier, Flaine, Samoëns – Morillon – Sixt-Fer-à-Cheval.

Fatturato semestrale di 761 milioni di euro

Con un fatturato consolidato di 761,1 milioni di euro per il primo semestre dell’esercizio 2023/24, il Gruppo ha registrato un impressionante aumento del 12,2% rispetto all’anno precedente. Questa eccellente performance è dovuta principalmente alla “forte mobilitazione dei nostri team, sia che si occupino di ideare, preparare, promuovere o commercializzare le varie offerte del Gruppo, sia che lavorino sul campo per accogliere il pubblico, in montagna o nei parchi di divertimento” (Compagnie des Alpes). Questo impegno collettivo per la soddisfazione dei clienti, pietra miliare della strategia del Gruppo, ha portato a un miglioramento degli indici di soddisfazione dei clienti nelle tre principali divisioni della Compagnie des Alpes durante il primo semestre dell’anno: Aree sciistiche e attività all’aria aperta, Distribuzione e Ospitalità e Parchi ricreativi.

Stazione sciistica di La Plagne

Questo successo è dovuto anche all’alta qualità dei comprensori sciistici gestiti dal gruppo, situati in altitudine, dove la naturale abbondanza di neve ha garantito condizioni sciistiche ideali. Questi fattori, combinati con infrastrutture moderne, non solo hanno migliorato l’esperienza dei clienti, ma hanno anche aumentato l’attrattiva e la competitività dei siti di CDA, sottolineando l’importanza cruciale dell’altitudine e della qualità delle strutture nella strategia di crescita del gruppo.

Tra i progetti di rilievo di questa stagione, la nuova cabinovia Pontillas a Serre Chevalier, che sta rivitalizzando l’area di Villeneuve-La Salle con lo sviluppo del progetto MMV Club Residence, e la prima fase della riprogettazione della catena Glacier a La Plagne, volta a migliorare l’accesso alle aree più alte del resort sia in estate che in inverno.

Forte aumento del numero di giorni-sciatore

Il settore delle aree sciistiche e delle attività all’aria aperta ha registrato una crescita impressionante nella prima metà dell’esercizio finanziario 2023/24, con un fatturato di 496,9 milioni di euro, con un significativo aumento del 14,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Questo notevole risultato è dovuto principalmente all’aumento del numero di giorni-sci, che è cresciuto dell’8,6%, superando di gran lunga la crescita del mercato nazionale, che si è attestata al 2,0%.

Una riduzione del 20% del consumo di acqua

Questa robusta crescita è in parte dovuta alle condizioni climatiche favorevoli. I comprensori sciistici d’alta quota del Gruppo hanno beneficiato di un abbondante innevamento, che ha permesso di ridurre di quasi il 20% il consumo di acqua per l’innevamento. Questa posizione geografica privilegiata garantisce un’esperienza sciistica superiore, un fattore cruciale per attrarre e fidelizzare gli appassionati di sport invernali.

Stazione sciistica di Samoëns

Un calendario scolastico favorevole

Anche il calendario delle vacanze scolastiche ha giocato un ruolo favorevole, ottimizzando la distribuzione dei visitatori durante la stagione, in particolare nei periodi solitamente molto affollati. Ciò ha contribuito a migliorare l’esperienza dei visitatori e a massimizzare le entrate giornaliere.

CDA diventa la scelta preferita dal 93% dei nuovi clienti

Dati rivelatori sono stati ottenuti da un sondaggio interno condotto su 10.000 nuovi clienti, che non visitavano le aree sciistiche del gruppo da più di cinque anni. I risultati dell’indagine mostrano che quasi il 93% di questi nuovi clienti provengono da altre località di alta montagna non gestite dalla Compagnie des Alpes o sono nuovi alle attività di montagna. Solo il 7% dei clienti intervistati erano frequentatori abituali di località di bassa e media montagna in Francia o nei Paesi limitrofi, che hanno scelto di migrare verso i siti di alta quota gestiti dalla CDA.

Questa tendenza è incoraggiante, in quanto suggerisce che la Compagnie des Alpes sta attirando una clientela nuova e diversificata, conquistando una quota significativa del mercato da altre regioni di montagna. Queste informazioni sono fondamentali per adeguare le strategie di marketing e operative del Gruppo al fine di continuare ad attrarre e fidelizzare questa nuova clientela, ottimizzando al contempo le offerte e i servizi proposti. Le prospettive rimangono quindi positive, nonostante la necessità di cautela dovuta a possibili incertezze economiche o ad altri alti e bassi ciclici.

Compagnie des Alpes Ospitalità e Distribuzione in crescita del 2,9

All’interno della Compagnie des Alpes, la divisione Distribution & Hospitality ha registrato un fatturato di 96,5 milioni di euro per il primo semestre dell’esercizio 2023/24, con un aumento del 2,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Questo aumento, in linea con le aspettative del Gruppo, è il risultato di performance diverse tra le varie entità.

MMV, uno degli attori principali di questa divisione, ha visto crescere in modo significativo le vendite di alloggi al netto delle commissioni. L’aumento a due cifre è stato determinato in particolare dall’ottima accoglienza dei siti recentemente aperti o rinnovati, come il nuovo residence club di Risoul, inaugurato nel dicembre 2023, e il Village Club di Alpe d’Huez, rinnovato quest’inverno. Queste strutture hanno registrato tassi di occupazione notevoli, raggiungendo circa il 97% durante le vacanze di Natale e il 95% durante le vacanze di febbraio, a testimonianza della qualità e dell’attrattiva dell’offerta ricettiva.

Anche Mountain Collection Immobilier, la rete leader di agenzie immobiliari specializzate in montagna, ha vissuto un periodo particolarmente dinamico. Con una crescita a due cifre, la rete ha beneficiato di una revisione della struttura tariffaria e si è ampliata con l’apertura di una nuova filiale in Val Thorens a febbraio, segnando l’installazione del suo 30° punto vendita.

Travelfactory ha seguito una traiettoria in linea con le previsioni, con una crescita moderata. Ciò è dovuto principalmente alla rifocalizzazione su una politica basata sul margine di contribuzione piuttosto che sul volume, e alla cessazione dell’offerta ferroviaria in seguito a una decisione del vettore. Di fronte a questa situazione, la Compagnie des Alpes sta valutando gli aggiustamenti strategici per la prossima stagione, compresa la possibilità di ripristinare il servizio ferroviario per soddisfare al meglio le esigenze dei suoi clienti.

Pieno controllo del gruppo MMV

Il 27 marzo 2024, la Compagnie des Alpes (CDA) ha compiuto un passo decisivo verso il consolidamento dei suoi investimenti nel settore immobiliare di montagna, acquisendo il restante 15% del capitale del Gruppo MMV, portando così la sua partecipazione al 100%. Questa acquisizione è in linea con gli accordi inizialmente raggiunti con i fondatori di MMV, al momento dell’acquisto iniziale dell’85% del capitale nell’ottobre 2022. I fondatori hanno fatto un’offerta a CDA per riacquistare il restante 15% che detenevano, offerta che CDA ha accettato, a una valutazione e a un prezzo delle azioni identici a quelli dell’acquisizione precedente.

La strategia di assumere il pieno controllo di MMV è significativa per diversi motivi. In primo luogo, consentirà a CDA di rafforzare la sua influenza e la sua capacità decisionale all’interno del gruppo MMV, uno dei principali operatori nel settore della ricettività turistica di montagna. Possedendo il 100% del capitale, la Compagnie des Alpes avrà il controllo completo della direzione strategica e operativa di MMV, il che faciliterà l’attuazione di sinergie tra le diverse attività del gruppo, in particolare in termini di marketing, gestione dei clienti e sviluppo immobiliare.

Hameau des Airelles, Montgenèvre (05)

Inoltre, questa integrazione totale consentirà a CDA di ottimizzare la gestione del proprio patrimonio immobiliare, fondamentale per l’offerta complessiva di servizi di montagna. Grazie al controllo totale di MMV, la Società può allineare più efficacemente le operazioni immobiliari alle esigenze dei comprensori sciistici, migliorando l’esperienza dei clienti e massimizzando i rendimenti finanziari.

In sintesi, questa acquisizione completa riflette una strategia prudente e calcolata da parte della Compagnie des Alpes per consolidare le proprie attività e rafforzare la propria posizione nel settore del turismo di montagna. Con il pieno controllo del Gruppo MMV, CDA si trova in una posizione migliore per guidare iniziative strategiche coerenti e sfruttare appieno il potenziale degli asset immobiliari di montagna, garantendo una crescita sostenuta e un aumento del valore per il Gruppo.

Misurato ottimismo per le stazioni sciistiche

Gli eccezionali risultati ottenuti dalla divisione Aree sciistiche e attività all’aperto della Compagnie des Alpes illustrano chiaramente gli effetti combinati di una posizione strategica, di investimenti oculati e di una gestione efficace dei periodi di punta. Questi fattori, sostenuti dall’impegno degli attori locali nella promozione del turismo di montagna, consentono al Gruppo di mantenere questo slancio positivo anche nel prossimo semestre.

Per quanto riguarda questa divisione, il Gruppo Compagnie des Alpes è cautamente ottimista per il resto dell’anno, dopo la notevole performance del primo semestre. È importante ricordare che la seconda metà dell’anno rappresenta tradizionalmente poco più del 10% delle vendite annuali di questa divisione, il che indica un livello di attività inferiore rispetto all’alta stagione invernale.